YouTube e Netflix riducono la qualità dei video in streaming.

images

 

L’Unione europea chiede a tutte le piattaforme e i servizi di streaming video di abbassare e limitare la qualità dei loro video per cercare di controllare il consumo della larghezza di banda, data l’enorme domanda derivante dalle sempre più presenti quarantene in casa .  Con diversi milioni di utenti che cercano di passare le ore con l’aiuto di Netflix, Amazon Prime Video, HBO o YouTube,  molti  stavano cominciando a notare alcune interferenze e cali nella velocità della loro linea Internet .

Pertanto, alla presenza già confermata di Netflix , che ha stimato che questa riduzione dei bit rate di tutte le sue trasmissioni in Europa ridurrà la saturazione del traffico sulle reti di circa il 25%;  YouTube sta aderendo a sua volta,  ed il suo passaggio allo streaming di qualità standard (o SD) dovrebbe anche portare a una notevole riduzione del carico di Internet in Europa.

Tuttavia, questa è una misura temporanea per i prossimi 30 giorni e non implica in alcun caso l’impossibilità di accedere a nessuno di questi canali in alta qualità, anche se questi saranno ora necessariamente ridotti a una massima qualità SD o HD,  secondo la piattaforma.

D’altra parte, molti utenti si chiedono ora se queste piattaforme a pagamento prenderanno misure per “restituire” questa parte proporzionale del loro abbonamento , dato che sebbene l’Unione Europea abbia decretato questa nuova limitazione, continuano a pagare per questo contenuto a prezzo pieno.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO