Singapore introduce l’app di tracciamento dei contatti per rallentare la diffusione del coronavirus

trace

Singapore ha sviluppato una nuova app mobile che può facilitare il tracciamento dei contatti nel caso in cui i suoi utenti contraggano il coronavirus. Chiamata TraceTogether, l’app utilizza il segnale Bluetooth per rilevare altri dispositivi mobili, iscritti alla app, nelle immediate vicinanze e quindi i dati possono essere utilizzati per identificare le persone con cui si è venuti a contatto quando necessario. 

L’app è in grado di stimare la distanza tra gli smartphone TraceTogether e la durata di tali interazioni. I dati vengono quindi acquisiti, crittografati e archiviati localmente sul telefono dell’utente per 21 giorni, che copre il periodo di incubazione del virus.

Se necessario, nel tracciamento dei contatti avvenuti, gli utenti dovranno autorizzare il caricamento dei loro dati TraceTogether presso il Ministero della Salute di Singapore, che quindi valuterà le informazioni e recupererà il numero mobile delle persone coinvolte entro quel periodo di tempo.

Sviluppata da Government Technology Agency (GovTech), insieme al ministero della salute, l’app è stata progettata per accelerare il processo di tracciamento dei contatti e arginare la diffusione di COVID-19, ha affermato l’ufficio tecnologico del governo. 

GovTech ha affermato che attualmente l’elaborazione dipende esclusivamente dalla memoria dei pazienti, che potrebbero non essere in grado di ricordare tutte le persone incontrate o di avere i dettagli di contatto e le informazioni di questi individui.

L’app mobile può colmare queste lacune e identificare più rapidamente i potenziali contagiati, che possono quindi monitorare la loro salute e intraprendere le azioni necessarie con largo anticipo. La rilevazione precoce è cruciale nel rallentare la diffusione del coronavirus, secondo l’agenzia governativa.

Per salvaguardare la privacy personale, ha aggiunto che gli utenti dovrebbero fornire il consenso durante la configurazione iniziale dell’app per partecipare a TraceTogether e accettare di utilizzare il loro numero di cellulare e i dati acquisiti per il tracciamento dei contatti avvenuti.

GovTech ha dichiarato che durante l’installazione è necessario solo il cellulare dell’utente e che non verrebbero raccolti altri dati come nome, posizione, elenco di contatti o rubrica. I registri dei dati verrebbero memorizzati localmente sul telefono cellulare e conterrebbero solo ID temporanei generati crittograficamente. Tali registri verrebbero estratti solo quando necessario dalle autorità per il tracciamento dei contatti avvenuti, ha affermato.

TraceTogether è disponibile per il download tramite Google Play e Apple App Store. 

 

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO