Perché passare da windows a linux

Ci sono diverse ragioni per passare ad un sistema operativo linux, ne elenco alcune:

  • Si può scegliere l’architettura che più si addice al proprio computer, per esempio al linux day di quest’anno organizzato dall’Istituto Majorana di Gela, è stato utilizzato per le presentazioni, un notebook vecchissimo con 500mb di memoria RAM con installato linux mint come sistema operativo.
  • Minore utilizzo di memoria RAM:  ho fatto personalmente un esperimento utilizzando la stessa macchina che monta 2 dischi fissi, uno con installato linux ubuntu 15.10 64bit e l’altro con windows 7 professional 64bit.  Il risultato è stato che linux utilizza il 25% di memoria RAM in meno.
  • Con linux non si hanno più problemi di frammentazione dati, al contrario di windows, prima di scrivere un file, il sistema linux controlla che ci sia spazio contiguo sufficiente sul disco rigido. Windows diventa più lento con gli aggiornamenti, linux no.
  • Con linux non ci sono problemi di virus, trojan e maleware, le cartelle ed i file di sistema sono protetti da password, la stessa viene richiesta per ogni nuova installazione di programma. Queste condizioni possono essere modificate solo accedendo al sistema con la procedura di superutente.
  • Con linux, il sistema operativo e tutti i programmi sono disponibili in qualsiasi lingua, completamente gratuiti e non solo, i codici possono essere modificati e personalizzati dall’utente senza avere poi problemi di copyright. I programmi usati con windows possono essere tutti sostituiti da applicazioni linux, ad esempio, office è sostituito da libreoffice od openoffice ecc., i programmi windows possono eventualmente essere eseguiti con linux, utilizzando l’emulatore “wine” il quale crea un disco virtuale con impostazione windows.
  • Con linux gli aggiornamenti si installano in neanche un decimo del tempo impiegato da windows e raramente è richiesto il riavvio di sistema.

 

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO