Microsoft aderisce al Blender Foundation Development Fun

blender

Blender è un software che ha guadagnato molto terreno negli ultimi anni nell’ambito della creazione e del rendering di grafica 3D, attualmente compete con grande successo contro soluzioni proprietarie focalizzate sul settore professionale. Di conseguenza, molte grandi aziende hanno aderito all’istituzione che supporta lo sviluppo, tra cui Epic Games , Ubisoft , AMD e NVIDIA .

Anche se gli aggiornamenti non vengono forniti con puntualità, tutto sta ad indicare che Blender godrà di buona salute nei prossimi anni, poiché Microsoft ha deciso di aderire al Fondo di sviluppo della Blender Foundation in una modalità che 10 anni fa sarebbe stata inimmaginabile. Il gigante di Redmond fornirà capitale “per supportare attività che forniscono servizi di accesso gratuito e aperto a tutti i collaboratori di Blender, compresi i professionisti e le società, sui siti Web di blender.org. Le attività di supporto includono correzioni di bug, revisione del codice, documentazione tecnica e integrazione.

Come sanno coloro che hanno seguito il percorso del software libero e GNU / Linux, Microsoft non ha esitato a affermarsi all’inizio del secolo come paladina del software proprietario dopo che Steve Ballmer ha definito Linux ” un cancro “ . Tuttavia, grazie anche a Satya Nadella , la società ha cambiato le sue politiche su Linux e l’open source in generale. Attualmente, Microsoft non smette di mostrare il suo (peculiare) amore per Linux e ha rilasciato un gran numero di progetti, inclusi componenti di spicco come .NET , che alla fine è diventata .NET Core e l’editor di codice di Visual Studio.

Il fatto che Microsoft diventi membro di istituzioni collegate a progetti open source non è una novità, dopo essersi unita alla Linux Foundation nel 2016 come membro sostenitore (platino) sorprendendo molti e suscitando dubbi. Se prendiamo però in considerazione il passato non così recente dell’azienda, che continua a esercitare forti pressioni  affinché le aziende e le pubbliche amministrazioni non migrino verso alternative come GNU / Linux,  tutto è più chiaro.

É ​​un dato di fatto che Microsoft ha aderito al Blender Foundation Development Fund così come altre aziende di spicco nel settore del software proprietario, ciò è un chiaro segno della forza che questa soluzione di creazione e rendering di grafica 3D sta dimostrando, un’area che molti pensavano potesse essere negata al software libero all’inizio del secolo.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO