La quota di mercato dei desktop Linux continua ad aumentare

tux_vs_windows

Netmarketshare ha  rilasciato il  suo rapporto sulle quote di mercato per i sistemi operativi e i browser per maggio 2020. L’aggiornamento rivela una tendenza interessante con l’ ascesa di Linux sul desktop come culmine . 

La quota di mercato di Linux è cresciuta ad aprile del 2,87%. È stato il più grande aumento negli anni in quando ha raddoppiato i dati ottenuti del mese precedente che è stato del 1,36%.

A maggio , secondo la società di analisi, l’uso del sistema libero è aumentato nuovamente al 3,17% .

Non esiste una spiegazione ufficiale del perché un determinato sistema operativo sia cresciuto in modo così esplosivo. Netmarketshare esclude un cambiamento nella metodologia, quindi potrebbe essere spiegato solo dalla pandemia di COVID-19, dal confinamento di massa e dal fatto che migliaia di utenti hanno utilizzato macchine Linux sulle reti in cui le società di analisi raccolgono i dati. L‘aumento della quota è essenziale affinché il supporto Linux possa migliorare a tutti i livelli e i produttori scommettano sulla preinstallazione su nuovi computer. 

Windows 10 recupera la quota persa il mese scorso e a maggio ha ottenuto il 57,83%. Continua a guidare il mercato a grande distanza dal secondo, Windows 7, che continua a perdere anche se è ancora installato su un quarto dei computer (24,28%). Anche Windows 8.1 scende e raggiunge a malapena il 3%.

Per quanto riguarda macOS, mantiene la crescita dell’ultimo mese con il 9,69% comprendendo tutte le versioni installate. La quota di Apple sul desktop è direttamente correlata ai computer Mac che è in grado di vendere, poiché non autorizza l’uso di sistemi a terzi e l’uso di Hackintosh è minimo. L’ascesa di macOS e Linux sul desktop ha causato una caduta di Windows globale negli ultimi mesi  che in ogni caso, rimane superiore all’86%.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO