La morte nel 21 ° secolo: la nostra vita nell’aldilà digitale

mortedigitale

Le pagine e gli account dei social media si trasformano spesso in memoriali quando qualcuno muore, dando alle persone la possibilità di sentirsi ancora connessi a coloro che hanno perso. Ma dopo che siamo trapassati, chi possiede le informazioni sulle nostre pagine? Chi può accedervi?

Faheem Hussain, un assistente professore clinico presso la School for the Future of Innovation in Society (SFIS) presso la Arizona State University (ASU), esplorerà questo argomento nella sua discussione durante l’incontro annuale dell’American Association for the Advancement of Science (AAAS ).

Il dilemma di ciò che accade al tuo io digitale dopo che te ne sei andato è qualcosa che Hussain ha vissuto in prima persona. Ha assistito alla famiglia e agli amici che lottano per ottenere l’accesso alla pagina dei social media di una persona cara dopo che quella persona è deceduta, e ha ricevuto suggerimenti su Facebook da un amico per una persona morta.

“Parliamo spesso di sicurezza e protezione dei nostri dati e della privacy, ma dovremmo anche iniziare a pensare su come gestire i dati in seguito”, ha detto Hussain. “È un po ‘complicato perché comporta la morte e nessuno vuole parlarne.”

Hussain ha trascorso diversi anni facendo ricerca sulla tecnologia legata allo sviluppo della società civile, compresi l’aldilà digitale, i social media e i diritti digitali. Ha documentato i cambiamenti che le aziende hanno fatto in termini di gestione dei dati delle persone morte, insieme alle disposizioni sull’aldilà digitale.

Nella sua ricerca Hussain e i suoi colleghi hanno esaminato le politiche digitali sull’aldilà, i casi e il feedback degli utenti, in particolare nei paesi in via di sviluppo. Hanno scoperto che le persone in questi paesi sono più vulnerabili alle sfide associate all’aldilà digitale, inclusi i problemi di privacy, proprietà digitale e quadro legale. Hussain e i suoi colleghi hanno concluso che è necessario fare di più per ridurre il divario nelle politiche digitali sull’aldilà tra i paesi sviluppati e quelli in via di sviluppo, al fine di garantire che le soluzioni siano inclusive e veramente globali.

I problemi legati all’aldilà digitale non verranno risolti a breve. Un recente studio ha scoperto che Facebook potrebbe avere circa 5 miliardi di utenti morti entro il 2100. Hussain discuterà delle politiche che devono essere messe in atto per quanto riguarda i prodotti e le piattaforme digitali e ciò che deve essere considerato nella loro progettazione.

“È importante per noi parlare dell’aldilà digitale”, ha affermato Hussain. “Devi gestire cosa accadrà quando non sarai più qui.”

Negli ultimi anni, molte piattaforme digitali , tra cui Facebook e Google, hanno apportato modifiche alla morte degli utenti. Facebook trasformerà la tua pagina in un memoriale e puoi nominare un contatto legacy per occuparti del tuo account. Con Google, puoi impostare un contatto di fiducia che otterrà l’accesso a parti del tuo account se è rimasto inattivo per un periodo di tempo. Ma gran parte di questo è nelle mani dell’utente, che deve configurare queste impostazioni in preparazione alla morte. Hussain ha affermato che dobbiamo parlare delle nostre preoccupazioni e comunicare con le aziende che forniscono questi servizi digitali.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO